Mese: ottobre 2015

Samantha, la protagonista fuori dal comune…

frutto pace

Samantha è la protagonista femminile di questa storia d’amore, nata per caso (o forse no), in un’aula universitaria di Cambridge.

Sappiamo che è orfana di madre, vive con un  padre adottivo, studia molto, è determinata a diventare un’ottima designer e non ha molti grilli per la testa.

Nel secondo capitolo della sua avventura amorosa, però, molti tratti del suo carattere si smusseranno, comprenderà cosa significa amare senza riserve, fidandosi, a volte alla cieca, della persona che si ha accanto. Sbagliato? Corretto?

Chi di noi non ha fatto qualcosa di estremamente stupido per amore? Credo tutti…

Di cosa si tratta qui, però? Della libertà fisica, probabilmente anche mentale…

Ebbene, perché Jaide decide di proporle ciò? Certo, perché non hanno altri modi per stare insieme.

Ma se Jaide la ama così profondamente, perché sarebbe capace di farla sua concubina? Perché ritratterebbe questo punto? Non era lui che la costringeva ad andarsene piuttosto che a rinchiudersi in un’ala di palazzo? Forse la vedrebbe più al sicuro sotto il suo controllo? Se così fosse, da chi e da cosa vorrebbe proteggerla?

E questa ragazza caparbia, pronta a tutto pur di stare con l’amore della sua vita, sarebbe davvero disposta a cadere così in basso? Fin dove può condurci l’amore?

Questo secondo volume inizia con una bellissima citazione di Paulo Coelho, tratta dall’Aleph, che dice. “L’arte della pace è raffinatissima e ineguagliabile, perché non si sta lottando contro qualcuno, ma solo con sé stessi. Piega te stesso e domerai il mondo.”

Jaide, di sicuro si è piegato. Ha ammesso un amore impossibile, ha ammesso di essere incapace di resistere al fascino e all’amore di Samantha. Questo, però, complicherà di molto la sua vita. Ha ceduto, se non con le parole, spesso, con i fatti. Un vincitore nato, dunque, se ascoltiamo le parole di Coelho…

Ebbene, Samantha piega sé stessa molte volte per Jaide, rendendosi vulnerabile, e dando l’impressione di essere molto meno caparbia e tenace di lui. Ma siamo certi che sia davvero così? Siamo convinti che chi si piega molto più visibilmente come ha fatto Samantha, spesso è il perdente?

Vediamo come termina i suoi pensieri sull’aereo di ritorno dopo l’avventura…

“Questa volta combatterò. Combatterò per fare la differenza, quella stessa che mi servirà per decidere, finalmente, chi sono e che posto deciderò di occupare in questo mondo corrotto e spregiudicato. Combatterò perché il re bianco e il re nero possano deporre simultaneamente le armi, mescolandosi, cerando un nuovo colore di cui nessuno, oggi, conosce il nome, perché quel nome ancora deve essere scritto da qualche coraggioso o stupido che ha deciso di voltare le spalle a tutte le leggi visibili e invisibili, affrontando a testa alta le sue conseguenze, ma di cui mai si pentirà.

Combatterò per quello strano e fuori gioco scacco matto, potente come un’inondazione, inarrestabile come acqua di un  fiume in piena che straripa, devastante come fuoco ravvivato dal vento, dirompente come la forza della natura ma immutabile e inamovibile come frammenti di diamanti depositatisi sul fondo di un oceano silenzioso e profondo, abbastanza da tenerli protetti dagli occhi umani e dai loro giudizi.

Perché come si dice nel paese dell’uomo che mi ha stregata, il frutto della pace è sempre attaccato all’albero del silenzio. E l’albero del silenzio non ha né nome, né colore.”

da Privilegio Relativo

Di Viviana A.K.S.

Santi Ed.

Cosa voleva dire con questo pensiero? Lei, la donna che crede nei diritti umani perché nata e cresciuta in un luogo che li professa e che tenta di proteggerli a ogni costo, cosa vuole dirci? Cosa farà? E, soprattutto, finirà proprio come lei se lo immagina?

Con infinite domande vi lascio, nella speranza di avervi incuriosito, ma con la certezza di avervi fatto riflettere nuovamente…

Buon inizio settimana. 🙂

Con affetto.

La vostra Viviana A.K.S.

Numiel, Esther, Aidha… i misteriosi personaggi onirici della trilogia dei Privilegi…

numielesther1esther2

Nel secondo volume compare un nuovo personaggio, Numiel, Nur, la luce in arabo, Mi il Miraculum in latino e El, di Dio… chi sarà questo personaggio candido? Si svela solo per poco, durante un sogno, che, però, apre una serie di domande ma crea indirettamente delle risposte…

Un altro personaggio fantastico che ci terrà compagnia fino alla fine, è sempre lei, la fatina dei sogni, Esther, la quale, però, viene materializzata da Samantha durante l’approdo in Terra Santa. Questa “palla di luce” di cui vede sempre e solo le mani, oltre a udirne la soave voce, appare come una donnina erosa dal tempo in quel paese così lontano e ricco di incognite.

Aidha, invece, che conosciamo nel primo volume, anche lei nel mondo incantato notturno, ricopre un ruolo fondamentale, perché è colei grazie alla quale Jaide ha un debito nei confronti del mondo femminile. E’ la prima vittima nel perfetto e principesco mondo di Jaide, quindi colei che renderà questo principe più tollerante e coscienzioso.

Ognuno di loro porta un messaggio, ognuno di loro vive nel regno dei sogni ma proviene dal mondo reale. Sono angeli mandati dal cielo? Sono persone scomparse? Sono allucinazioni notturne? O sono solo il mezzo con cui il destino parla per arrivare a creare i presupposti di un futuro migliore?

Che ruolo prenderanno nel terzo e ultimo capitolo? Avranno compiuto il loro compito, se mai ne hanno avuto uno?

Tante domande, tanti dubbi, dietro cui si celano verità nascoste, bugie mai svelate, forse a fin di bene, e un destino che cambierà per sempre il volto dell’umanità.

Non perdetevi il capitolo finale della trilogia dei Privilegi… presto in libreria online. E… se la curiosità vi logora, allora rileggete Privilegio Pericoloso e Privilegio Relativo… le risposte si celano dietro le domande… 😉

Con una marea di domande vi lascio, nell’attesa di regalarvi un altro piccolo scorcio dei personaggi, questa volta in carne e ossa, che popolano questa storia incredibile e molto attuale.

A presto. Buon fine settimana.

La vostra Viviana A.K.S.

IL MIO NOME E’ SARAH

velo

<<Siamo invisibili come l’acqua, fugaci come una folata di vento tra i capelli, udibili come il lontano eco di un sussurro e reali come neve sul deserto. Siamo le donne invisibili, quelle inesistenti, di cui nessuno parla o vuole sentire parlare>>.

da Privilegio Relativo

di Viviana A.K.S.

Santi Ed.

Tutti i diritti riservati

Difficile immaginare chi stia parlando e a cosa si riferisca… invece è solo una ragazza qualunque che ha scelto una via semplice per fare soldi.

Chi leggerà questo libro si chiederà se esistono davvero donne come Sarah. Ebbene, Sarah non è un personaggio totalmente creato dalla fantasia, Sarah esiste.

Purtroppo ne esistono troppe. A loro è stato insegnato che il corpo è un mezzo per arrivare dovunque, così lo sfruttano, non ben consapevoli che in questo modo si lasciano sfruttare. Cosa fa l’universo intero per rimediare a ciò? Nulla. Professa pari opportunità e più diritti verso le donne, poi permette che si lascino sfruttare, nascondendosi dietro la giustificazione ignobile “nessuno le obbliga a farlo”… Vero, nessuno le obbliga, ma forse avrebbero bisogno di trovare fiducia nelle proprie capacità intellettuali, non solo fisiche e avrebbero bisogno di una carezza dolce che faccia comprender loro che l’affetto vero esiste… Forse.

Forse, giusto, perché spesso, chi professa più diritti è il loro primo sfruttatore.

Vogliamo giudicarla? Siamo certi che DARE GIUDIZI alle sue azioni e alle sue scelte ci farà sentire meglio? Non è, in fondo, una figlia del mondo moderno, spietato e senza cuore, che ci vuole tutti suoi schiavi?

E allora scagli la prima pietra chi non ha peccato…

Buona serata.

La vostra Viviana A.K.S.

PRIVILEGIO RELATIVO E’ ARRIVATO!!!

Cop.PrivilegioRELATIVO

Eccomi, finalmente, con una chicca dal secondo libro in uscita oggi!

<<Non la presenterò io Stevens, ma sarà un nuovo membro onorario a farlo>>.

<<Chi?>>.

<<Io>> risponde l’unica voce che vorrei sentire in eterno.

Oh. Santo. Cielo. Il suo tono è duro, deciso ma Dio, quant’è perfetto. Resto fissa negli occhi sorridenti del professor Lindbergh senza il coraggio di voltarmi.

Il Suo aroma sublime s’insinua nelle mie narici e risale il cervello, dove i cancelli della pazzia sono aperti e i miei neuroni fuggono. Percepisco la Sua presenza dirompente.

Il mio cuore, ormai pronto per le imminenti Olimpiadi, comincia a galopparmi in petto come se volesse uscirne. M’immobilizzo, disarmata e confusa, ancora incredula e già invasata dalla Sua Reale presenza.

I ragazzi e le ragazze intorno a noi lo additano, lo guardano incantate, ed io continuo a non riuscire a trovare il coraggio di voltarmi.

Lui, però, sfiora con le Sue dita tremendamente elettrizzanti il mio braccio. L’antidoto del veleno agisce mediatamente.

La sensazione di oppressione si placa.

La speranza abbatte l’apatia.

Il sollievo vince sul tormento dell’inquietudine.

La dolce follia della gioia annienta il torpore della tristezza.

Il senso di pace pianta la bandiera della vittoria nel deserto della desolazione.

Da privilegio Relativo

di Viviana A.K.S.

Santi Ed.

Tutti i diritti riservati

http://www.amazon.it/Privilegio-relativo-VIVIANA-K-S-ebook/dp/B016CYI4PK/ref=sr_1_2

https://store.kobobooks.com/it-it/ebook/privilegio-relativo

https://www.bookrepublic.it/book/9788899531058-privilegio-relativo/

E adesso aprite  il libro e innamoratevi sempre più di questa favola moderna dal sapore così attuale…

Perché le favole esistono, anche nella vita quotidiana…

Con l’augurio di avervi fatto un piccolo regalo per il weekend, vi abbraccio e vi saluto.

La vostra Viviana A.K.S.

ECCOLO!!! PRIVILEGIO RELATIVO

copertina meno duemeno due keep calm

Ciao mondo,

finalmente posso dirvi che l’atteso seguito di Privilegio Pericoloso, ossia Privilegio Relativo, sarà pronto per essere letto e amato come il primo, anzi, forse di più, a partire da Sabato!

Quindi, forza, Samantha e Jaide avranno una nuova avventura da affrontare, che sono sicura vi rapirà deliziosamente… nell’attesa, certo, che il terzo, nonché ultimo volume della trilogia, chiuderà una storia mentre aprirà una nuova speranza per tutti…

Certa che anche questo secondo volume sarà in grado di catturarvi e conquistarvi,

con sincero affetto vi auguro una buona giornata!

A domani con qualche chicca. 😉

La vostra Viviana A.K.S.

Un ciondolo che racchiude un destino…

sam e jaide

<<A ogni ora, ogni minuto, ogni secondo, sempre, io sarò con te>>. Mi allaccia il secondo gancio della sicura, la sua voce un perfetto encomio alla seduzione, in quella che sembra una promessa solenne, una sorta di suggello per la vita.

L’atmosfera si è fatta incantata, magica, ricca di promesse inespresse ed io mi sento come rapita in un sogno, ina favola, la mia favola, mi sento come Sherazad tra le braccia del sultano dei sogni che ama,il principe delle favole che ha aspettato da sempre.

[…] <<Il mio “ti amo” è sempre stato su di te>>, afferma duro. Quella sua voce, tagliente, esasperata, austera, colma di potere e seduzione, mi fa vacillare. Tiene gli occhi fissi nei miei e posa entrambe le mani alla sua scrivania. Dio, quant’è desiderabile in questo istante. <<Guarda il Rolex>>, mi consiglia, con un tono che non ammette nessuna replica. Alzo il mio polso e immediatamente la mia attenzione viene catturata dal ciondolo a forma di cuore cui non avevo mai prestato troppa attenzione. Ma forse avrei dovuto. Non mi sono mai chiesta una cosa. <<Che cosa significano queste incisioni?>>. Accarezzo il ciondolo, quasi impaurita.

<<Ana Behebik>> sussurra lentamente, quasi con emozione, come se stesse pronunciando una promessa solenne. <<Ti amo>> aggiunge, traducendo, mentre il tormento per quella rivelazione lo avvolge.

[…]Sfioro con le dita i diamanti troppo luminosi che incorniciano lo splendido orologio dalle incisioni eterne e per la prima volta da quando lo indosso, slaccio la sicura e lo sfilo. Il rintocco delle sue lancette mi ricorda che il tempo scorre e più passa, più mi allontano da Lui. Le sue incisioni mi rammentano che la mia vittoria eguaglia la mia sconfitta. Emana troppa luce, troppi ricordi. Il sole che penetra dall’oblò dell’aereo lo trafigge, riflettendo sul sedile di fronte al mio, tante piccole sfere colorate. Decido di farlo tacere infilandomelo in tasca.

da Privilegio Pericoloso

di Viviana A.K.S.

Santi Ed.

Tutti i diritti riservati

Cosa racchiude quell’orologio? Samantha tornerà a indossarlo? O rimarrà un oggetto di enorme valore materiale e affettivo che sarà fatto “tacere” in qualche cassetto della casa e della memoria?

Privilegio Relativo sta arrivando… tra pochi giorni scoprirete cose che mai avreste immaginato…

Un abbraccio.

La vostra Viviana A.K.S.